home e-mail News Cultura Medicina Varie Indice

- Salvestrini Alimentazione Ambiente Animali Eutanasia EUTANASIA, INDICE... Eutanasia... Eutanasia... Eutanasia in Australia... Eutanasia in USA... Eutanasia secondo la FNOMCEO... Eutanasia, inquadrare la quest... Eutanasia, parere del SICP... Eutanasia, parere di U. Verone... Eutanasia, regole moderne... Eutanasia, tempo per regolamen... Il parere dei medici... Sotto la maschera del chirurgo... Grandi argomenti Igiene Religione Romagna Varie Vendita

Eutanasia secondo FNOMCEO *)

da Doctornews *)

Fnomceo, i medici facciano riferimento al codice deontologico "Se tutti conoscessero bene il codice di deontologia medica, la percentuale di medici favorevoli a una legge che regolamenti l'eutanasia sarebbe più bassa. Se hanno risposto in questo modo è perché credono, erroneamente, che una legge possa tutelarli di più rispetto alle norme contenute nel codice".

Questo il commento di Aristide Paci, presidente Fnomceo (Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri) al sondaggio sull'eutanasia, condotto su oltre 5000 medici, dal quale e' risultato che il 70% dei 'camici bianchi' auspica una normativa in materia. "Il codice di deontologia medica approvato nel 1998 - puntualizza- prevede il comportamento nei confronti di questo tipo di problema e dice che anche su richiesta del malato, il medico non deve effettuare né favorire trattamenti diretti a provocarne la morte. Una eventuale legge sull'eutanasia comporterebbe una serie di valutazioni complesse e un coinvolgimento della figura medica su un problema troppo delicato. Nel codice si dice che quando ci sono delle malattie a prognosi infausta, il medico deve limitare la sua opera a un'assistenza morale, a una terapia per risparmiare inutili sofferenze al malato".

"Piuttosto - sottolinea - bisogna trovare un equilibrio per evitare l'accanimento terapeutico, diverso dall'eutanasia. Sono problemi distinti che trovano nel codice una soluzione precisa". Il testamento biologico è invece un aspetto di cui tenere conto. "Quando un paziente non è in grado di esprimere la propria volontà - continua- il medico non può non tenere conto di quanto espresso dallo stesso paziente in merito al peggioramento delle proprie condizioni di salute, ma non è così automatico che la decisione presa prima di trovarsi in determinate condizioni debba essere rispettata. E' necessario valutare la rispondenza tra quello che ha deciso e la situazione che si presenta al medico in quel momento".

"La soluzione non è una legge, piuttosto precise regole comportamentali, una sorta di codice di autogoverno che tenga conto di entrambe le posizioni, quella del medico e quella del paziente".

*) FNOMCEO = Federazione Nazionale Ordini Medici Chirurghi E Odontoiatri
*) 2006, febbraio 08
Webmaster
Daniele Franchini